Blog | Crescita aziendale Incentivi statali Notizie sul web | Web Agency Milano https://www.meterweb.it Sun, 25 Aug 2019 10:58:18 +0200 Joomla! - Open Source Content Management it-it SOCIAL MEDIA MARKETING – scegliere in base al proprio target e quello del social network https://www.meterweb.it/it/blog/social-marketing/articolo/social-media-marketing-scegliere-in-base-al-proprio-target-e-quello-del-social-network https://www.meterweb.it/it/blog/social-marketing/articolo/social-media-marketing-scegliere-in-base-al-proprio-target-e-quello-del-social-network

SOCIAL MEDIA MARKETING – scegliere in base al proprio target e quello del social network.

Meterweb (web agency | digital company Milano).

Avevamo già trattato in passato l’argomento social marketing (vedi questo articolo) dal punto di vista della scelta della piattaforma su cui investire con azioni di promozioni e attività editoriali.

Il fatto è che, continuando ad incontrare manager e titolari di aziende che chiedono consigli su come avviare una campagna commerciale sui social network che maggiormente usano nella loro di vita ( siamo passati dal 90% Facebook ad una nuova maggioranza per Instagram, e così noi abbiamo già delineato dove troveremo il nostro di target, da evitare…), ci sembra il caso di riaffermare un concetto per noi di Meterweb  (web agency | digital company Milano) fondamentale: un’azienda dovrebbe scegliere su quale social network intraprendere un’eventuale attività di social media marketing in base a dove è più facile raggiungere il proprio target.

Dando per scontato che sia chiaro per l’azienda qual è il target che vuole raggiungere con una determinata campagna, che abbia quindi profilato il proprio “cliente tipo” con cui comunicare, l’analisi da fare è quella sui diversi social network. Ovvero identificare secondo gli stessi parametri usati per la propria targettizzazione la popolazione di utenti attivi per le diverse piattaforme e quindi incrociare questi dati.

A titolo di esempio, riportiamo qui alcuni dati (tratti da diverse fonti ufficiali online) aggiornati al 2018 relativi agli iscritti ai social più comuni in Italia. Non sono tanto importanti in questa fase i numeri, quanto il concetto che vorremmo trasmettere: prima di intraprendere una campagna su un social network è bene raccogliere i dati (aggiornati) relativi alla distribuzione della popolazione di quel social e confrontarli con il target che si vuole raggiungere.

Nei dati qui riportati abbiamo preso in esame gli utenti attivi su Facebook, YouTube, Twitter, Linkedin, Instagram e Pinterest in Italia. Se la campagna social marketing ha un respiro internazionale bisogna prima valutare quali social sono usati nelle nazioni di interesse.  

Utenti Attivi al Mese in Italia

Social

Utenti attivi al mese

in Italia (in milioni)

Donne Uomini
FACEBOOK 30 48% 52%
YOUTUBE 24 50.7% 19.3%
TWITTER 8 42.8% 57.2%
LINKEDIN 11 51% 49%
INSTAGRAM 19 55.5% 44.5%
PINTEREST 6.1 68.5% 31.5%

utenti-attivi-social-italia_2018

 

Social

Donne

(in milioni)

Uomini

(in milioni)

FACEBOOK 14.4 15.6
YOUTUBE 12.17 11.83
TWITTER 3.42 4.58
LINKEDIN 5.61 5.39
INSTAGRAM 10.54 8.45
PINTEREST 4.17 1.92

utenti-donne_Vs_uomini-social-italia-2018

 

Così ci accorgiamo che ci sono social dove è più facile raggiungere un target femminile (se ad esempio vediamo solo scarpe da donna) rispetto a social dove farsi vedere da un pubblico unicamente femminile costa di più. Allo stesso modo potremmo essere interessati a raggiungere una fascia di età piuttosto che un’altra e scegliere il social che in proporzione ha più utenti nella fascia di nostro interesse.

In questa analisi vietato dimenticare lo scopo con cui nasce (da cui dipende il tipo di impostazione) quel particolare social e il fine reale per cui gli utenti lo usano (da cui dipende il modo d’uso).

 

 

Social

35-54 anni

(in milioni)

FACEBOOK 11.7
YOUTUBE 10.08
TWITTER 2.96
LINKEDIN 4.07
INSTAGRAM 6.46
PINTEREST 2.38

utenti-34_54-social-italia_2018

Per una campagna internazionale ecco invece un elenco del totale di utenti attivi per i social più usati al mondo. Se stai cercando di raggiungere il mercato cinese, non puoi non considerare: Qzone (gli utenti scrivono blog, hanno un diario, inviano foto e ascoltano musica), Weibo (microblogging), Renren (per Asia e America il concorrente di Facebook).

 

Social

Utenti attivi

FACEBOOK 2.2 Miliardi
YOUTUBE +1.9 Miliardi
TWITTER 330 Milioni
QZONE 570 Milioni
WEIBO +376 Milioni
RENREN +194 Milioni
VKontakte +97 Milioni
LINKEDIN 200 Milioni
GOOGLE PLUS 300 Milioni
TUMBLER 420 Milioni
]]>
info@meterwork.it (Blog Redazione MeterWeb) Social Marketing Tue, 16 Oct 2018 10:43:38 +0200
Bando turismo 2018 - voucher Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi https://www.meterweb.it/it/blog/comunicazione-digitale/articolo/bando-turismo-2018-voucher-camera-di-commercio-di-milano-monza-brianza-lodi https://www.meterweb.it/it/blog/comunicazione-digitale/articolo/bando-turismo-2018-voucher-camera-di-commercio-di-milano-monza-brianza-lodi

Bando 2018 per la digitalizzazione del settore turistico, voucher fino a € 1.500,00 dalla Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi.

Dalle ore 9:00 del giorno 2 luglio 2018 fino alle ore 12:00 del giorno 27 settembre 2018 (o prima in caso di esaurimento delle risorse) tutte le micro, piccole o medie imprese (MPMI) iscritte al Registro delle Imprese della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi, potranno partecipare al bando dedicato al turismo e richiedere il voucher alla Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi per un contributo a fondo perduto pari al 70% delle spese relative alla dotazione di strumenti tecnologici e comunicativi atti a migliorare la propria presenza digitale e sul web.

A tale proposito noi di Meterweb (digital company | web agency a Milano) proponiamo un piano d’azione (comunicazione e marketing) dedicato ad agenzie di viaggio, tour operator, alberghi e a chi offre servizi di ristorazione. Il piano, allineato al budget previsto dal bando per il turismo 2018 che offre un contributo di importo massimo di € 1.500,00 per un investimento minimo di € 1.000,00 ( il contributo, a fondo perduto, è erogato al netto della ritenuta d'acconto del 4%), prevede uno studio preventivo dell’attuale situazione del cliente in modo da proporre la soluzione più adeguata tra lo sviluppo di strumenti digitali (sito web, e-commerce, app, blog, forum), la realizzazione di contenuti per migliorare la presenza sui "social" e in generale sul web (ad es. immagini, video, storytelling, newsletter, blogging) e l’attivazione di strategie per l’indicizzazione sui motori di ricerca (SEO) o di campagne pubblicitarie online (SEM).

Il bando per il voucher turismo del 2018 prevede anche, nella misura massima del 40% della somma delle altre spese, il rimborso per l’acquisizione di infrastrutture e di dotazioni telematiche hardware (server, pc).

Se interessati ad attivarvi in tal senso contattaci qui.

]]>
info@meterwork.it (Blog Redazione MeterWeb) Comunicazione Digitale Tue, 17 Jul 2018 18:16:29 +0200
Impostazioni di conservazione dei dati Google Analytics https://www.meterweb.it/it/blog/comunicazione-digitale/articolo/impostazioni-di-conservazione-dei-dati-google-analytics https://www.meterweb.it/it/blog/comunicazione-digitale/articolo/impostazioni-di-conservazione-dei-dati-google-analytics Impostazioni di conservazione dei dati Google Analytics

Verifica le impostazioni di conservazione dei dati Google Analytics prima che entrino in vigore il 25 maggio 2018 quelle di default che ne prevedono la cancellazione.

Recentemente Google ha inviato un'email di presentazione di nuovi controlli sulla conservazione dei dati che consentono di gestire la durata di archiviazione dei dati relativi a utenti ed eventi da parte di Google Analytics.

Le nuove impostazioni di archiviazione dei dati entreranno in vigore il 25 maggio 2018. L’invito di Meterweb (digital company | web agency Milano ) è a rivedere e confermare queste impostazioni (Proprietà ➝ Informazioni di monitoraggio ➝ Conservazione dati) prima del 25 maggio, data in cui Google Analytics in autonomia eliminerà i dati in base a queste impostazioni o li conserverà se manualmente gli utenti avranno impostato diversamente la gestione dei dati. L'impatto di questa impostazione (se non viene cambiata manualmente dall’utente) a partire dal 25 maggio è il seguente:

  • Tutti i dati relativi agli utenti e agli eventi più vecchi delle impostazioni di conservazione verranno contrassegnati per l'eliminazione permanente e non saranno più recuperabili attraverso Google Analytics.
  • La cancellazione interesserà l'uso della segmentazione, alcuni rapporti personalizzati e le dimensioni* secondarie se applicate in intervalli di date precedenti alle impostazioni di conservazione.
  • I report basati su dati aggregati non saranno interessati da tale operazione.

 

GUARDA COME FARE CON IL TUTORIAL DI METERWEB

Puoi inoltre ottenere ulteriori informazioni su queste impostazioni di conservazione dei dati o su come Google Analytics si impegna a salvaguardare i tuoi dati.

SCRIVICI PER SAPERNE DI PIÙ

* Le dimensioni sono attributi dei dati, descrivono le caratteristiche degli utenti, delle sessioni e delle eventuali azioni eseguite sul sito internet. Oltre alla scelta della dimensione primaria è possibile aggiungere una dimensione secondaria a un rapporto

]]>
info@meterwork.it (Blog Redazione MeterWeb) Comunicazione Digitale Thu, 10 May 2018 17:40:12 +0200
WebP, il formato immagini di Google più leggero del JPG https://www.meterweb.it/it/blog/web-e-mobile/articolo/webp-il-formato-immagini-di-google-piu-leggero-del-jpg https://www.meterweb.it/it/blog/web-e-mobile/articolo/webp-il-formato-immagini-di-google-piu-leggero-del-jpg WebP, il formato immagini di Google più leggero del JPG

Google ha introdotto WebP, un nuovo formato di compressione delle immagini, che sta lentamente prendendo il posto del JPG.
L’obiettivo raggiunto dal colosso del web con il formato WebP è quello di riuscire ad ottenere online la miglior risoluzione possibile ma con un peso minore rispetto al JPG.

Quali sono i vantaggi del formato WebP?

Chiunque navighi online, per lavoro o nel tempo libero, incontra sulle pagine web numerose immagini.
Gallery, cataloghi, header e anteprime dicono molto di chi le espone, giocano perciò un ruolo fondamentale anche nei siti aziendali.
La qualità delle immagini permette di coinvolgere emotivamente l’utente e di trasmettergli in maniera nitida ed efficace il messaggio del brand e della sua professionalità; il peso delle immagini invece influisce sul tempo di caricamento della pagina web, anche esso molto importante nell’esperienza online dell’utente e nei processi decisionali che lo spingono a rimanere su un sito o meno.

 

Perché la compressione di immagini in WebP è più leggera di una in formato JPG?

La compressione di immagini in formato WebP finalmente è anche “lossless” - senza perdita-, al contrario della compressione in formato JPG esclusivamente “lossy” -con perdita-: questo significa che nel caso del WebP non c’è una perdita di qualità delle immagini a favore della riduzione delle dimensioni, possiamo quindi ottenere la stessa qualità delle immagini JPG ma con circa il 34% di peso in meno.
Per quanto riguarda invece il confronto con il formato PNG, nonostante anch’esso sia lossless, le immagini in formato WebP risultano più leggere del 24%.

Il metodo di compressione WebP si basa sulla predizione dei blocchi; infatti la differenza fondamentale tra la compressione in formato JPG e la compressione made in Google è che il formato WebP utilizza i frammenti già visualizzati delle immagini per ricostruirli con nuovi pixel quando necessario, grazie anche a una palette di colori interna, invece di creare una media tra i colori dei pixel simili e adiacenti diminuendo così la qualità.

Al momento il formato WebP è supportato solamente da Google Chrome, Opera e Pale Moon ma Safari, FireFox ed Explorer stanno valutando l’idea di accogliere questa rivoluzione delle immagini sul web.
Per quanto riguarda i CMS utilizzati per i siti web sono tutti in grado di supportare questo nuovo formato, ma c’è bisogno di particolari plugin.

Se vuoi ottimizzare il tuo sito e renderlo idoneo a supportare il formato WebP compila il form a destra, noi di MeterWeb (Digital Company di Milano) siamo pronti ad aiutarti.

]]>
info@meterwork.it (Blog Redazione MeterWeb) Web e Mobile Tue, 30 Jan 2018 16:37:45 +0100
Industria 4.0: l’era dell’automazione industriale https://www.meterweb.it/it/blog/comunicazione-digitale/articolo/automazione-industriale https://www.meterweb.it/it/blog/comunicazione-digitale/articolo/automazione-industriale Industria 4.0: l’era dell’automazione industriale

Un antico proverbio cinese recita “possa tu vivere in tempi interessanti” e dal punto di vista industriale non potrebbe essere più attuale, considerando che proprio in questi anni si sta concretizzando la quarta rivoluzione industriale e con essa lo sviluppo dell’industria 4.0.

 Cos’è l’industria 4.0?

Se le precedenti rivoluzioni hanno compreso lo sviluppo di macchine a vapore nel XVIII secolo, l’introduzione dell’elettricità e della produzione di massa nel XIX, l’informatizzazione e l’automatizzazione di processi industriali nel XX, cosa sta accadendo oggi?
E che impatto avrà sul nostro futuro?

Con Industria 4.0 si intende la tendenza dell’automazione industriale a divenire sempre più produttiva in quantità e qualità consentendo un parallelo miglioramento delle condizioni lavorative di produzione, sfruttando le nuove tecnologie per realizzare processi e macchinari sempre più interconnessi ed efficienti.
Per realizzare questi obiettivi ambiziosi, l’attenzione è rivolta alle nuove tecnologie: dispositivi capaci di comunicare tra loro e di scambiarsi una quantità sempre maggiore di dati, sfruttabili per migliorare le loro stesse prestazioni. 


Quali sono i vantaggi dell’automazione industriale?

Grazie ai dispositivi digitali, le nuove macchine, non sono più unicamente delle mere esecutrici di operazioni complesse, ma comunicano tra loro consentendo di rendere un processo produttivo completamente basato sull’automazione, migliorandone l’efficienza sia in termini di riduzione degli sprechi energetici che di interconnessione tra clienti, fornitori e strutture.
In modo più tecnico possiamo individuare tre punti focali:

1. Smart production: nuove tecnologie produttive volte ad interconnettere al meglio tutti gli elementi della produzione; macchine, operatori e strumenti.

2. Smart service: tutte le “infrastrutture informatiche” e tecniche che permettono di integrare i sistemi; compresa l’integrazione tra fornitori, clienti e strutture

3. Smart Energy: riduzione degli sprechi energetici ed ottimizzazione.

Se la nuova rivoluzione in atto appare l’inizio dell’estradizione del lavoratore fisico dalla catena produttiva, è forse più opportuno concentrarsi sulle opportunità che essa offre.
Negli ultimi decenni la tendenza della produzione industriale è stata quella di migrare verso paesi che potessero offrire manodopera a basso costo e in gran quantità e dove i processi produttivi fossero regolati da norme spesso un po’ elastiche. Oggi però il profondo cambiamento nella tipologia delle industrie che si affaccia all’orizzonte offre spazio allo sviluppo di nuove tecnologie e concede una nuova apertura dell’industria a chi si occupa di Big Data Analytics, Cyber-security, Simulation, Cloud, sistemi di comunicazione tra uomo e macchina (linguaggi, interfacce), ottimizzazione dei processi.

La necessità dell’industria del futuro si volge quindi verso una richiesta di personale più specializzato e sviluppato tecnologicamente, anche se meno numeroso, ma con abilità e know-how informatici complessi e mirati. In altre parole se l’automazione a questo livello sembra ridurre la necessità di manodopera non specializzata a basso costo, offre una nuova e moderna chance per chi ha sviluppato competenze e capacità in questi nuovi settori.

In definitiva per alcuni paesi è l’occasione per rendere nuovamente redditizia la produzione industriale locale utilizzando personale altamente qualificato e specializzato. L’industria 4.0 quindi è un treno che non deve assolutamente essere perso e in tutta Italia (e nel mondo) si svolgono convegni, ricerche e studi per tenere il passo con la nuova rivoluzione industriale. In particolare il Ministero dell’Economia e delle Finanze sta recentemente promuovendo il bando per la digitalizzazione delle imprese: Voucher per la digitalizzazione delle Pmi.

Noi di MeterWeb (Digital Company di Milano) siamo in grado di fornire i servizi e le tecnologie per la digitalizzazione che permettono di raggiungere gli obiettivi di visibilità, vendita e reputazione online del piano di marketing mix.
Per valutare un piano di digitalizzazione per la tua impresa contattaci compilando il form qui a destra.

]]>
info@meterwork.it (Blog Redazione MeterWeb) Comunicazione Digitale Mon, 15 Jan 2018 10:08:22 +0100
Cambiamenti per le newsletter: nuovo regolamento generale UE sulla privacy https://www.meterweb.it/it/blog/web-e-mobile/articolo/cambiamenti-per-le-newsletter-nuovo-regolamento-generale-ue-sulla-privacy https://www.meterweb.it/it/blog/web-e-mobile/articolo/cambiamenti-per-le-newsletter-nuovo-regolamento-generale-ue-sulla-privacy Cambiamenti per le newsletter: nuovo regolamento generale UE sulla privacy

Il 25 Maggio 2018 entrerà in vigore il nuovo Regolamento UE sulla privacy e la protezione dei dati personali. Questo porterà diversi cambiamenti all’interno delle aziende, soprattutto nell’ambito delle newsletter.

Cosa succederà all’interno delle aziende?

Il GDPR n. 2016/679 (Regolamento UE generale per la protezione dei dati personali) apporterà delle modifiche per quanto riguarda le definizioni di termini, come ad esempio “dato personale” e “consenso”, e renderà indispensabile la specificità delle informative riguardanti la privacy.
Verrà richiesto inoltre di essere più precisi per quanto riguarda i ruoli di responsabilità, verificando l’idoneità di un DPO (Data Protection Officer), di compiere analisi dettagliate riguardanti la gestione dei dati e di garantire la formazione dei dipendenti in merito alle politiche sulla sicurezza dei dati sensibili introdotte dal nuovo Regolamento UE.

Ciò significa che le aziende dovranno prestare maggior attenzione alle modalità di acquisizione dei dati per l’invio di newsletter e rivalutare la propria conformità alla nuova normativa prevista dal futuro Regolamento UE.

Perché alle aziende interessa il mondo delle newsletter?


L’e-mail marketing è ancora uno dei mezzi più efficaci e diretti per tenere in contatto le aziende con i propri clienti attuali o potenziali.
La casella di posta elettronica, che sia privata o di lavoro, è sempre con noi: siamo costantemente connessi ad essa da casa, in ufficio e grazie al mobile anche quando non siamo davanti al computer.

Analizzando i dati dell’Osservatorio Statistico 2017 presentato da MailUp, possiamo verificare che il riscontro positivo nei confronti delle newsletter è addirittura in crescita negli ultimi due anni.
Dal 2015 al 2016 si è verificato un aumento delle percentuali di apertura delle newsletter del 35,7% e il 36,9% di click in più, specialmente per quanto riguarda newsletter promozionali; anche i numeri delle newsletter informative crescono, passando da 7,2 miliardi del 2015 a 8,5 miliardi del 2016
Ciò è dovuto soprattutto a una corretta segmentazione e suddivisione in liste del target e alla costruzione di contenuti interessanti , senza dimenticare l’ottimizzazione per la lettura delle newsletter da mobile.

Meterweb (Digital Company | Web Agency di Milano) si occupa della gestione delle newsletter per i propri clienti, mettendoli in contatto con il target di riferimento e garantendo la loro conformità al nuovo Regolamento UE.

Per sapere come gestire la newsletter della tua azienda contattaci compilando il form a destra.
Inoltre entro il 20 marzo 2018 puoi richiederci gratuitamente una breve guida in 12 step per prepararti alla nuova GDPR per le aziende.

]]>
info@meterwork.it (Blog Redazione MeterWeb) Web e Mobile Wed, 06 Dec 2017 17:39:32 +0100
Come usare il voucher da 10 mila euro per la digitalizzazione delle imprese? https://www.meterweb.it/it/blog/comunicazione-digitale/articolo/voucher-da-10-mila-euro-per-la-digitalizzazione-delle-imprese https://www.meterweb.it/it/blog/comunicazione-digitale/articolo/voucher-da-10-mila-euro-per-la-digitalizzazione-delle-imprese Come usare il voucher da 10 mila euro per la digitalizzazione delle imprese?

A partire dalle ore 10.00 del 30 gennaio 2018 e fino alle ore 17.00 del 9 febbraio 2018 sarà possibile per le micro, piccole e medie imprese di tutto il territorio nazionale fare domanda sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico per l'ottenimento del contributo in forma di voucher.
Le imprese possono beneficiare di un voucher ognuna, di importo non superiore a 10 mila euro.

 

Come va utilizzato questo contributo?

La somma ricevuta tramite voucher dovrà essere utilizzata ai fini della digitalizzazione delle imprese.
Ovvero per procurarsi software, hardware, risorse e servizi che permettano all’azienda di sfruttare il mondo dell’e-commerce e del social media marketing, di fornire formazione tecnica e digitale al personale, modernizzare l’organizzazione del lavoro e aumentare la qualità tecnologica utilizzata.

Perché investire nella digitalizzazione?

Rendersi visibili, disponibili e facilmente reperibili online fa in modo che l’azienda entri in campo con gli strumenti più aggiornati e competitivi.
Nel contesto moderno le imprese sono in continua evoluzione e grazie alla digitalizzazione in perenne connessione con i loro clienti. Ciò permette di intercettare meglio le esigenze del mercato, fornire un servizio migliore, aumentare la fiducia reciproca e migliorare la reputazione del proprio brand.

Cosa si può fare con un voucher da 10 mila euro per la digitalizzazione?

Districarsi tra le offerte delle digital company non è facile, specie se l'azienda che muove i primi passi verso la digitalizzazione non ha all'interno un marketing manager che possa fissare degli obiettivi raggiungibili attraverso il web e gli strumenti digitali.

Noi di MeterWeb (digital company | web agency di Milano) abbiamo provato a fornire un'idea di quali strumenti di webmarketing (e con quali obiettivi) è possibile attivare con dei budget iniziali generalmente più bassi di quelli impegnati per il marketing tradizionale. Clicca qui per leggere l'articolo "DIGITAL MARKETING – BUDGET INFERIORE A 5K".

Se la tua attività è un albergo potresti approfondire sul bando del Ministero direttamente attraverso il sito internet di Federalberghi Varese (di cui siamo partner tecnologico) cliccando qui.
Federalberghi Varese offre infatti ai suoi associati un servizio di informazione e assistenza per quanto concerne la digitalizzazione delle imprese alberghiere. 

Noi di MeterWeb (Digital Company di Milano) siamo in grado di fornire i servizi e le tecnologie per la digitalizzazione che permettono di raggiungere gli obiettivi di visibilità, vendita e reputazione online del piano di marketing mix. 
Per valutare un piano di digitalizzazione per la tua impresa contattaci compilando il form qui a destra!

]]>
info@meterwork.it (Blog Redazione MeterWeb) Comunicazione Digitale Mon, 27 Nov 2017 17:48:56 +0100
SMAU GENOVA 2017: l'evento dell'impresa digital arriva a Genova https://www.meterweb.it/it/blog/fiere-ed-eventi/articolo/smau-genova-2017-l-evento-dell-impresa-digital-arriva-a-genova https://www.meterweb.it/it/blog/fiere-ed-eventi/articolo/smau-genova-2017-l-evento-dell-impresa-digital-arriva-a-genova SMAU Genova 2017

Giovedì 23 e Venerdì 24 Novembre SMAU, l’evento dedicato all’innovazione e al digital business, farà tappa per la prima volta a Genova, al Palazzo della Borsa.

Genova si era già fatta notare il mese scorso allo SMAU Milano vincendo il Premio Innovazione in quanto capofila di URBACT Interactive Cities, un progetto volto a sottolineare come il mondo del digital, dei social media e dei contenuti orientati al cliente sia determinante per il business delle aziende europee.

Ora il Comune di Genova in collaborazione con l’associazione Genova Smart City apre una nuova parentesi all’interno della Genova Smart Week 2017 ed accoglie SMAU Genova 2017, evento che permette ad aziende e fruitori di connettersi e confrontarsi sui cambiamenti in corso e trovare soluzioni per innovare ed accelerare il proprio business.

Industria 4.0 e Green Solutions sono gli argomenti cardine dei numerosi workshop disposti durante la settimana nella quale l’evento SMAU Genova 2017 si colloca con un programma molto interessante.

Si inizierà giovedì mattina con la Finale della SMARTcup Liguria, un concorso di idee imprenditoriali che hanno come fulcro la tecnologia e il digital.

Dopo pranzo ai due tavoli di lavoro Manifattura Avanzata e Scienze della Vita avrà luogo un confronto tra coloro che generano domanda e i soggetti che propongono l’offerta nel relativo settore, al quale seguirà un momento di networking e approfondimento.
Sarà un incontro interessante per conoscere i protagonisti del mercato odierno e scoprire in che modo utilizzano strumenti digital nelle loro aziende.

Venerdì si chiuderà l'edizione SMAU Genova 2017 con un tour dei più importanti luoghi dell’innovazione della Liguria.

Potete vedere il programma nel dettaglio e registrarvi gratuitamente all’evento attraverso questo link.

Genova conferma quindi di essere al passo con i tempi e di volersi sintonizzare con le richieste del mercato moderno attraverso e-Commerce, social network, sicurezza web e web marketing. Questi sono solo alcuni degli strumenti a disposizione delle aziende che vogliono migliorare la propria presenza online.

Vuoi andare preparato allo SMAU Genova 2017?
Noi di MeterWeb (Digital Company di Milano) ti offriamo un glossario digital gratuito che ti permetterà di conoscere i termini più utilizzati nel mondo del digital business e seguire meglio workshop e conferenze.

Compila il form a destra per ricevere il tuo glossario gratuito.

]]>
info@meterwork.it (Blog Redazione MeterWeb) Fiere ed Eventi Thu, 16 Nov 2017 12:40:23 +0100
Sito web dell'hotel: maggiore sicurezza con il certificato SSL https://www.meterweb.it/it/blog/comunicazione-digitale/articolo/sito-web-dell-hotel-maggiore-sicurezza-con-il-certificato-ssl https://www.meterweb.it/it/blog/comunicazione-digitale/articolo/sito-web-dell-hotel-maggiore-sicurezza-con-il-certificato-ssl Sito web dell'hotel: maggiore sicurezza con il certificato SSL

Da diversi anni seguiamo le attività commerciali che operano nel settore del turismo come hotel, resort, tour operator, agenzie viaggi, occupandoci di incrementare il business dei nostri clienti attraverso il web marketing.

Offriamo consulenza operativa a livello strategico e soluzioni digitali che consentono di relazionarsi con il proprio target, raggiungendo nuovi contatti e rafforzando il legame con i clienti acquisiti.

 

Siamo specializzati nell’individuare i mezzi più opportuni rispetto al budget per raggiungere gli obiettivi prefissati e abbiamo la struttura necessaria per servire dalle piccole imprese fino alle grandi catene alberghiere.
Spaziamo da soluzioni semplici ad architetture complesse ma allo stesso tempo facilmente accessibili e open source, come questo stesso sito web!

Ci avvaliamo di collaborazioni con società di comunicazione leader nei settori in cui operiamo, grazie alle quali possiamo fornire un servizio a 360 gradi mantenendo rapporti diretti e finalizzati alla cura costante del cliente.

In accordo con Federalberghi Varese riserviamo agli associati alcune soluzioni digitali dedicate agli hotel, chiavi in mano e senza canone, con sconti fino al 30% sul prezzo di listino.

Solo per gli associati dal 10 novembre fino al primo febbraio 2018 offriamo consulenza e installazione del certificato SSL scelto in base alle esigenze dell’azienda con assistenza gratuita per un anno.

Il protocollo di sicurezza permette di rendere il sito aziendale sicuro e di prendersi cura dei propri clienti prima ancora che essi diventino tali, quando stanno ancora navigando su internet.
Un sito web sicuro è un sito web professionale, aumenta la fiducia nei confronti del tuo hotel e migliora il posizionamento del sito aziendale nei motori di ricerca.

Contatta Federalberghi Varese per l’offerta o leggi il nostro articolo per scoprire di più sui certificati SSL.

]]>
info@meterwork.it (Blog Redazione MeterWeb) Comunicazione Digitale Fri, 10 Nov 2017 11:19:19 +0100
Hai un sito web? Assicurati di avere il certificato SSL entro il 2018 https://www.meterweb.it/it/blog/web-e-mobile/articolo/hai-un-sito-web-assicurati-di-avere-il-certificato-ssl-entro-il-2018 https://www.meterweb.it/it/blog/web-e-mobile/articolo/hai-un-sito-web-assicurati-di-avere-il-certificato-ssl-entro-il-2018 Hai un sito web? Assicurati di avere il certificato SSL entro il 2018

Un sito web sicuro è un sito web professionale. I clienti che utilizzano i siti aziendali spesso rendono noti dati sensibili, sia per acquistare un prodotto sia per ricevere informazioni, è quindi utile farli sentire al sicuro rispetto alla possibilità di un hackeraggio.


Come vi avevamo anticipato diverso tempo fa, nell’articolo che potete leggere cliccando qui, la questione SSL e HTTPS sta prendendo una direzione ben precisa.
Ora è giunto il momento in cui tutte le aziende dovrebbero compiere il passo definitivo verso un nuovo sistema di sicurezza sul web.

Cos’è un certificato SSL?

SSL (Secure Sockets Layer) è un certificato digitale sviluppato per consentire alle applicazioni, come ad esempio un sito aziendale, di trasmettere informazioni online in modo sicuro e protetto. Grazie al protocollo di sicurezza HTTPS, attivato mediante il certificato SSL, i dati ricevuti da un sito web vengono criptati e diventa così più complesso visualizzarli e manipolarli da parte di hacker o che vengano alterati durante il trasferimento.

Cliccate qui per un approfondimento sui certificati SSL.

Quali sono state le avvisaglie?

Google aveva già preannunciato le sue intenzioni nel 2014, comunicando ufficialmente che con Chrome avrebbe iniziato a marcare tutti i siti web con indirizzo HTTP come "non sicuri", presentando ai visitatori un avviso.
Questo significa che se una persona passa da un sito web sicuro, ad esempio da Google, verso un’area non conforme al protocollo di sicurezza visualizzerà la comunicazione che il sito verso cui sta atterrando non è sicuro.
Tenendo conto che Google mantiene il primato dei motori di ricerca in Italia con il 93% dei navigatori online si delineano principalmente 2 svantaggi per un sito non certificato:

1. quelle pagine web non ancora dotate di certificato SSL, che nel browser sono visibili come HTTP invece che HTTPS, saranno penalizzate dalla politica di indicizzazione di Google. (Scopri come funziona l'indicizzazione cliccando qui).

2. i potenziali clienti che navigano online con Google Chrome, quindi il 56% degli italiani, riceveranno un avviso quando staranno visitando siti non sicuri e sceglieranno in base a questa premessa se procedere con la visita e lasciare i propri dati personali per un eventuale acquisto.

Non avere un protocollo HTTPS quindi è come investire e aprire un negozio ma tenere la porta d’ingresso chiusa a chiave.

Perché è un passo da fare ora?

Da Ottobre 2017 Google ha premuto l’acceleratore, ma il gigante del web non è il solo a promuovere e favorire l'utilizzo del protocollo di sicurezza SSL, anche Mozilla e Apple hanno sostenuto l'esigenza della crittografia online.
Lo stesso governo degli Stati Uniti sta imponendo che tutti i siti web .gov applichino il protocollo HTTPS entro la fine di quest'anno.

Anche Access Now, attraverso la campagna "Encrypt All The Things", promuove l'abbandono del tradizionale e meno sicuro protocollo HTTP in favore dell'HTTPS.
Sono quindi sempre più numerose le aziende che si stanno conformando ai nuovi standard per non rischiare che il loro sito aziendale venga contrassegnato come non sicuro, e ciò sta permettendo che i siti web cifrati e la sicurezza online diventino la norma.

Da dove iniziare?

Per convertire un sito web da HTTP a HTTPS è necessario richiedere un certificato SSL/TLS per il proprio dominio.
Inoltre è consigliabile effettuare i seguenti controlli:

  • Verificare che i reindirizzamenti funzionino correttamente
  • Verificare il sito in https sulla Google Search Console, su Google Analytics  e su Bing Webmaster Tool
  • Notificare i cambiamenti a Google e agli altri motori di ricerca, in modo che chi ha salvato precedentemente il link del sito web venga reindirizzato a quello corretto
  • Aggiornare la sitemap
  • Aggiornare i link sugli account social, le pubblicità , le email ed altri eventuali strumenti di marketing

Per ricevere una consulenza e scoprire come i nostri servizi possono aiutarti in questi passaggi contattaci via mail.

]]>
info@meterwork.it (Blog Redazione MeterWeb) Web e Mobile Fri, 27 Oct 2017 14:43:51 +0200